La tragedia della diga del Gleno. 1° dicembre 1923. Indagine su un disastro dimenticato eBook

Leggi il libro di La tragedia della diga del Gleno. 1° dicembre 1923. Indagine su un disastro dimenticato direttamente nel tuo browser. Scarica il libro di La tragedia della diga del Gleno. 1° dicembre 1923. Indagine su un disastro dimenticato in formato PDF sul tuo smartphone. E molto altro ancora su partyperilperu.it.

Partyperilperu.it La tragedia della diga del Gleno. 1° dicembre 1923. Indagine su un disastro dimenticato Image
Una strage, un'inchiesta chiusa frettolosamente, nessun colpevole. E 359 morti che non hanno mai avuto giustizia. Il crollo della diga del Gleno che il 1° dicembre 1923 ha travolto la Valle di Scalve, nella bergamasca, è la prima strage italiana in cui giustizia e verità vengono sacrificate alla ragion di Stato, più precisamente dello Stato fascista che non può ammettere che azioni di gruppi terroristici minaccino la sicurezza. Meglio quindi puntare il dito sui materiali, sul costruttore, sul progettista e poi assolvere tutti. Perché i giudici del tribunale di Bergamo non hanno dato peso alla perizia balistica, o alla deposizione di un detenuto che parlò di una bomba, o alla denuncia di furto di 75 chili di dinamite? A quasi un secolo di distanza un avvocato penalista riapre il caso, in cerca di verità. Perché giustizia e verità non cadono in prescrizione.
NOME DEL FILE La tragedia della diga del Gleno. 1° dicembre 1923. Indagine su un disastro dimenticato.pdf
ISBN 9788842555599
DIMENSIONE 1,86 MB
DATA 2016

Il crollo della diga del Gleno che il 1° dicembre 1923 ha travolto la Valle di Scalve, nella bergamasca, è la prima strage italiana in cui giustizia e verità vengono sacrificate alla ragion di Stato, più precisamente dello Stato fascista che non può ammettere che azioni di gruppi terroristici minaccino la sicurezza.

La tragedia. Il 22 ottobre 1923, a causa di forti piogge, il bacino si riempì per la prima volta. Tra ottobre e novembre si verificarono numerose perdite d'acqua dalla diga, soprattutto al di sotto delle arcate centrali, che non appoggiavano sulla roccia. Infine, il 1º dicembre del 1923 alle ore 7:15 la diga crollò.

LIBRI CORRELATI